Search
Home / Literature  / Wordsworth: quando l’esperienza genera emozione

Wordsworth: quando l’esperienza genera emozione

Secondo Wordsworth, la recollection è all’origine della poesia autentica, risultato della connessione tra il passato dell’esperienza e il presente della memoria

1 minuto

 

Nella storia della letteratura inglese, l’anno 1798 segna una tappa fondamentale: la pubblicazione delle Lyrical Ballads (Ballate Liriche) da parte di William Wordsworth e Samuel T. Coleridge. Si tratta di un vero e proprio Manifesto del Romanticismo inglese, che riporta nei suoi punti principali le tematiche, il linguaggio e lo stile di questo nuovo movimento letterario. In particolare, i temi inquadrano situazioni quotidiane o eventi che hanno come protagonisti persone ordinarie, umili e appartenenti al mondo rurale. Di conseguenza, anche il linguaggio deve essere semplice e comprensibile a tutti perché più è diretto, più si avvicina alle passioni più pure.
Tuttavia, questo articolo vedrà come argomento principale un aspetto della poetica di Wordsworth, quello della cosiddetta recollection in tranquillity, ovvero, quando l’esperienza genera emozione.

 

Wordsworth era interessato al rapporto tra l’uomo e la natura, forse anche a causa dell’ambiente in cui era nato nel 1770 e in cui era vissuto a partire dal 1799, il Lake District (Distretto dei Laghi). Egli credeva che il contatto tra l’uomo e il mondo naturale producesse determinate emozioni e sensazioni che descriveva nei suoi componimenti.
My heart leaps up when I behold a rainbow in the sky” (Il mio cuore sobbalza quando vedo in cielo un arcobaleno): così scriveva nell’omonima poesia del 1802. Dunque, l’essere umano è parte integrante della natura, la quale sostiene a sua volta l’uomo nel dolore, donandogli gioia e piacere.

 

Daffodils - UberAura

 

Ad ogni modo, nel processo della recollection in tranquillity non è solo questa relazione tra l’uomo e la natura ad avere un ruolo centrale, ma anche e soprattutto la memoria. Occorre sottolineare come, secondo Wordsworth, la recollection sia all’origine della poesia autentica, risultato della connessione tra il passato dell’esperienza e il presente della memoria. Il poeta osserva un oggetto naturale attraverso l’uso dei sensi, i quali generano un’emozione che viene custodita nella memoria. A distanza di tempo, in un’atmosfera di tranquillità, il poeta ricorda quell’esperienza sensoriale che fa nascere una nuova emozione, affine, registrata nei versi di un componimento poetico. E saranno proprio coloro che leggeranno questa poesia ad avere, a loro volta, una nuova e vera emozione.
Daffodils, pubblicata nel 1807, è la sua opera più famosa e ne costituisce il maggiore esempio, infatti presenta tutti gli elementi appena descritti.

Con questo suo modo di intendere la poesia, il poeta della prima generazione romantica contribuisce a dare un significato diverso all’esperienza e rende possibile, attraverso i temi di cui tratta, una profonda immedesimazione da parte di chi legge.

Review overview
NO COMMENTS

POST A COMMENT